Translate

giovedì 9 giugno 2016

Un Progetto per il Risorgimento del Turismo a Lucca

Come promesso mi sforzerò di presentare ogni settimana delle schede tecniche, elaborate per rilanciare il Turismo a Lucca, devastato da quattro anni di gestione del Sindaco Tambellini.

SITUAZIONE NORMATIVA IN TOSCANA

Il sistema toscano del Turismo (APT, Toscana Promozione, Promos) è stato distrutto da Rossi, Presidente della Regione Toscana, con l'aggravante di non aver previsto nulla in loro sostituzione.
Basta leggere le due nuovissime leggi sul Turismo della Toscana per rendersi conto della gravità della cosa.
La Legge Regionale 18 marzo 2016, n.25 - Riordino delle funzioni provinciali in materia di
turismo in attuazione della l.r. 22/2015. Modifiche alla L.R. 42/2000 e alla L.R. 22/2015, infatti, dopo tutta una serie di blablabla, affida ai Comuni tutte le funzioni amministrative legate al turismo cioè quelle che erano delle Province.
Anche l'Accoglienza e la Promozione locale vengono delegate ai singoli Comuni, con l'indicazione di utilizzare forme associate fra i Comuni per quelle a carattere sovra-comunale (SIC!) ed in attesa di queste unioni, tutte le funzione di accoglienza e promozione turistica sono affidate ai Comuni Capoluogo. 
In più. l'esercizio di Accoglienza e Promozione da parte dei Comuni deve vedere:
a) la stipulazione di una convenzione con l’Agenzia regionale di promozione turistica, di cui alla legge regionale 4 marzo 2016, n. 22. (la seconda nuova legge su Toscana Promozione, con una scelta monocratica e scadenza normative burocratiche errate per una promozione tempestiva.)
b) la realizzazione del collegamento con la piattaforma informatica regionale;
c) la programmazione e il monitoraggio delle strategie delle attività turistiche dei territori di destinazione mediante l’osservatorio turistico di destinazione (OTD).
Inoltre nella fase di attuazione degli interventi definiti negli atti di programmazione della promozione turistica il raccordo fra le esigenze di carattere locale e le attività di competenza regionale è assicurato dalla Cabina di Regia Regionale così composta: 
a) l’assessore regionale al turismo, o un suo delegato, con funzione di presidente;
b) cinque membri in rappresentanza dei comuni designati dal Consiglio delle autonomie locali.
c) un membro designato dalla Città metropolitana di Firenze;
d) un membro designato dalle camere di commercio industria, artigianato e agricoltura (CCIAA);
e) tre membri designati dalle associazioni di categori delle imprese del turismo;
f) tre membri designati dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori.

Credo che gli Operatori turistici, i giornalisti, dovrebbero soffermarsi maggiormente sulle due nuove leggi del turismo della Toscana, di pochi mesi fa, che ho citato per vedere come è stato distrutto tutto il comparto del turismo e in particolare l'Accoglienza e la Promozione locale, affossati in una cappa di adempimenti burocratici e balletti acrobatici che renderanno impossibile ogni seria tempestiva iniziativa.
La tragica responsabilità normativa della Regione, non giustifica l'assenza del Comune di Lucca da ogni politica di Accoglienza e Promozione, perchè Lucca ha Itinera, un ente creato allora da Fazzi in odio alla Provincia e all'APT, che ora sarebbe l'ideale, se potenziato e ben guidato, per esercitare un Accoglienza turistica a cinque stelle, che è da sempre la migliore Promozione per la città.
Ma di questo parleremo delle prossime Schede.

francesco colucci x Riformisti Lucca


domenica 5 giugno 2016

TURISMO: dalle rovine tambelliniane proviamo a risorgere

Tambellini, un Sindaco, che in poco tempo, è riuscito a distruggere una valida politica turistica che Operatori, Categorie Economiche, Enti Locali e APT, avevano faticosamente costruito nel tempo, portando Lucca, nell'Olimpo delle città d'arte italiane.
Un accoglienza turistica fatiscente, nessuna idea di promozione, dispersione colpevole delle cospicue risorse della tassa di soggiorno, smantellamento di Itinera, ormai ridotta a mero ufficio riscossioni, priva di materiale pubblicitario, di servizi decenti, di ruolo nel turismo cittadino.
Puccini, la Cultura, gli Eventi, il Centro-Storico, Le Mura: tutti abbandonati a se stessi
La confusione poi è massima, con un Sindaco allergico al Turismo, assente nel dibattito cittadino, delegato impropriamente ad amministratori esterni, a libro paga del Comune, spocchiosi, linguacciuti e incompetenti nella materia, che sproloquiano in polemiche politiche che non competono loro, invece di dare risposte tecniche: chiare, oneste e precise.
Un disastro annunciato che rischia di compromettere un settore cardine dell'economia cittadina.
Disprezzando la sola critica, proverò nelle prossime settimane ad offrire un contributo per la ricostruzione di una politica del turismo a Lucca.
Le mie "Proposte per un futuro al Turismo lucchese" si articoleranno su schede tematiche, innovative, ma anche molto dettagliate, per stanare i soliti furbetti del pressappochismo di mestiere ed andare al centro del problema.
Mi auguro che questa mia proposta, coniugata su temi precisi e tecnici, possa servire ad aprire un dibattito fattivo sul Turismo, facendo emergere chi vuole costruire e chi galleggia sui problemi o peggio ancora, con la sua ignavia, li aggrava, fino a consunzione.

francesco colucci x Riformisti Lucca