Translate

giovedì 29 ottobre 2015

Furto sulle pensioni, in un articolo di Alessandro Sallusti su "Il Giornale"

Furto sulle pensioni

Bloccata la rivalutazione oltre i 2mila euro. E i sindaci potranno stangarci


La notizia è che il governo Renzi si appresta a fare l'ennesimo furto di Stato. Per le pensioni sopra i duemila euro lordi torna il blocco della rivalutazione Istat, cioè l'adeguamento al costo della vita.
Una recente sentenza della Corte Costituzionale aveva giudicato illegittima la pratica, già adottata da quel furbo di Monti nel 2011. Renzi non solo ha fatto spallucce, restituendo briciole solo a una piccola parte dei pensionati, ma ora rilancia con una furbata che aggira l'ordine dei supremi giudici: il furto sarà graduale con il lievitare dell'assegno.
Ma, al di là dei tecnicismi, il fatto è che Renzi considera ormai i pensionati – che già sono fiscalmente i più tartassati del mondo – il bancomat del suo governo. Siamo alle solite: con una mano taglia, con l'altra preleva e trasforma il canone Rai in una tassa fissa estorta forzosamente a chiunque nella bolletta della luce. E il saldo di questi maneggi è ovviamente sempre a suo favore, come è successo con i famigerati 80 euro.
A parte che ci vuole coraggio a considerare «ricchi» ex lavoratori con un reddito netto tra i 1500 e i 2500 euro, è evidente l'arroganza di uno Stato che, ancora una volta, non rispetta i patti che stipula con i cittadini, considerati alla stregua di sudditi. Può permetterselo perché parliamo di un premier e di un governo mai eletti. I loro mandanti sono stati l'ex presidente Napolitano e Angela Merkel, cioè un pensionato milionario a vita e il capo di uno Stato estero. Sai a loro che gliene frega se un lavoratore italiano aveva deciso di andare in pensione anche contando, per campare con dignità, sull'adeguamento del suo assegno...
E pensare che anche il giovane Matteo Renzi aveva chiaro il valore della pensione. Al punto che pensava di farsela pagare dagli italiani. Ci ha provato facendosi assumere dall'azienda del padre pochi giorni prima di diventare presidente della Provincia di Firenze. Grazie al «distacco politico» i contributi non li avrebbe pagati lui ma noi. Beccato con le mani nella marmellata si è stranamente vergognato e ha rinunciato, o almeno così ha detto di voler fare.
Al momento pare non si possa fare nulla per fermare questo ennesimo furto. Ci consola che la storia insegna: chi mette le mani nelle tasche dei cittadini non ha vita lunga. Per fortuna.


martedì 27 ottobre 2015

I miei Blog......appassionatamente....

Spesso alcuni mi chiedono informazioni su i miei blog e perchè e allora, voglio accontentarli
Creo e gestisco sei blog: Riformisti Italiani (politica), Lasinone (Satira), Lucca, Puccini e non solo (Cultura) Vivere Curiosando (Turismo, tempo libero, enogastronomia) Linformatore lucchese (Notizie) e il mio personale, Francesco Colucci, ove scrivo di tutto e di più. Ne ho pensato un settimo, ma per ora è prematuro parlarne.
Ogni Blog ha il suo Sito su FB e un riferimento su Twitter, su Pinterest e su altri social.
Spesso queste miei scritti li invio ad amici e conoscenti, con una e.mail dedicata all'Informatore Lucchese.
Mi piace scrivere e occuparmi della cosa pubblica ma anche di turismo, tempo libero e di tutto ciò che può colpire la mia fantasia. Scrivo normalmente la notte, dalle 24 alle 4, anche se poi è dura portare fuori il mio cane alle 7,30. Per questo a volte lascio qualche refuso nello scritto o dimentico qualche acca, facendo arricciare il naso ai puristi.
Scrivo per passione e per diletto senza alcuna periodicità stabilita, per l'uno o l'altro Blog, secondo l'ispirazione e l'umore della notte. Passo da un argomento all'altro, dalla Politica alla Cucina, secondo la vena del momento.
Mi batto anche per ricostruire a Lucca un centro-destra efficiente e unito che possa presentare una proposta politica-amministrativa ed un candidato vincente, alle prossime elezioni comunali del 2017.
Reputo infatti il Sindaco Tambellini una sciagura per la nostra bellissima città e credo che non passi giorno senza che la sua amministrazione faccia danni e macerie e che occorreranno anni per recuperare una città vivibile, sicura, pulita, con servizi efficienti, una proposta culturale adeguata alla sua storia, e così via.......
Accetto volentieri critiche, osservazioni, suggerimenti, ma anche aiuto a far conoscere i miei scritti, al maggior numero di persone interessate perchè credo fermamente che è solo dal confronto di idee e di proposte che una città può crescere, una società migliorarsi, un individuo arricchirsi e completarsi. 
La mia molto presuntuosa ambizione è di riuscire a mettere una pietruzza, anche piccola piccola, sulla ricostruzione, di una Lucca, rinnovata e vivibile, la mia città, che amo appassionatamente.

francesco colucci